La Viticoltura in Cile... un mondo da scoprire!

Nuovo interessante appuntamento culturale organizzato dalla nostra Associazione; abbiamo offerto un originale confronto fra il meglio dell’enologia italiana e quella cilena.

Come sede della serata è stata scelta la Scuola della Santissima Annunziata al Poggio Imperiale che grazie al Presidente del Consiglio di Amministrazione, Dott. Fiorenza è ritornata agli antichi splendori.

La produzione vinicola cilena è basata soprattutto sui vitigni internazionali ma ha una caratteristica unica al mondo: non ha mai subito, proprio grazie al suo clima e alla sua orogenesi gli attacchi della fillossera che invece hanno distrutto il patrimonio vitivinicolo europeo a fine 800

Coinvolti in questa serata che ha visto partecipare numerosi appassionati tra sommelier, ristoratori, enotecari giornalisti e appartenenti alla numerosa comunità cilena, il conte Francesco Marone Cinzano proprietario della Tenuta Col d’Orcia, una delle cantine storiche di Montalcino, già presidente del Consorzio del Brunello, l’importante organo di tutela e di promozione di uno dei vini più famosi d’Italia nel mondo.

Senza pretese scientifiche  ma solo con la voglia di approfondire alcuni dei grandi prodotti di qualità dell’Azienda agricola Col d' Orcia, abbiamo assaggiato una selezione di Brunelli di Montalcino e alcuni vini cileni della tenuta della La Riserva de Caliboro, sempre di proprietà del Conte Cinzano.

Il Cile si conferma stabilmente come il quarto Paese esportatore al mondo per volumi di vino dopo Italia, Francia Spagna, con il settore legato al mondo del vino in costante crescita in termini di fatturato.